Introduzione agli Elisir di Cristalli


(Articolo Aggiornato il 20 Luglio 2019)


Quando prepariamo un elisir di cristalli lasciamo che la luce penetri nell’acqua e la energizzi infondendo le sue proprietà.

L’elisir si ottiene comunemente dall’immersione del cristallo in acqua, lasciando che l’acqua si carichi delle vibrazioni del cristallo per qualche ora.

Come indicato nel libro “Il Miracolo dell’Acqua” di Masaru Emoto, l’acqua ha una memoria capace di dar vita a dei cristalli con una struttura più o meno ordinata e complessa, a seconda dell’intensità e della tipologia di sentimenti ed energie con cui viene a contatto.

É proprio grazie a questa capacità di trattenere le informazioni, che l’acqua diventa un veicolo eccellente delle energie e delle vibrazioni che ciascun cristallo contiene, che saranno riversate nel corpo fisico riverberandosi nei corpi sottili e sanando o prevenendo eventuali squilibri.
Gli effetti sortiti dagli elisir non sono però sovrapponibili a quelli di una seduta di cristalloterapia, in quanto l’acqua ha la capacità di filtrare le vibrazioni delle pietre, prediligendo e potenziando alcune proprietà dei cristalli a discapito di altre.

L’immersione del cristallo in acqua presenta tuttavia alcune controindicazioni, dovute alla composizione di alcune pietre che potrebbero rilasciare sostanze molto tossiche.

É inoltre bene ricordare, che l’efficacia degli elisir non si basa sulle proprietà chimiche dell’acqua (arricchita eventualmente da minerali disciolti durante la preparazione degli elisir), ma sulle informazioni trasmesse dai cristalli all’acqua stessa.

É infatti possibile (e opportuno) ricorrere ad un metodo alternativo all’immersione, tramite il contatto indiretto tra l’acqua e i cristalli, che analizzeremo nel prossimo post contenente le istruzioni per preparare un efficace elisir di cristalli.

Per i dovuti approfondimenti consiglio il libro “Il Miracolo dell’Acqua” di Masaru Emoto:
Il Miracolo dell'Acqua
Il Miracolo dell’Acqua
Scoprire e utilizzare i benefici effetti della risonanza positiva

Masaru Emoto

Quanto ti e' piaciuto quest'articolo?
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Condividi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.