Come Utilizzare, Purificare e Caricare i Pendoli in Pietra



(Articolo Aggiornato il 31 Marzo 2019)


Oltre che come strumento diagnostico, è possibile utilizzare i pendoli di cristallo per allineare i chakra, in particolare i pendoli di forma sferica sono particolarmente adatti al 6° chakra e al 7° chakra.

Per utilizzare il pendolo fatto di cristallo è sufficiente farlo oscillare in modo circolare (basterà dare una prima spinta al pendolo) sopra ciascun chakra che desiderate trattare ad una distanza di 5 – 20 cm (il movimento dovrebbe essere circolare e orario per i chakra bloccati o chiusi – vedi articolo dedicato ai chakra – mentre dovrebbe essere antiorario per estrarre energie negative o in eccesso).

Quando il movimento diventerà lineare (in linea retta) od ovale significa che il corpo è saturo di vibrazioni e il trattamento deve essere interrotto (il pendolo dovrebbe seguire prima un movimento ovale e poi lineare, a quel punto fermatevi per evitare congestioni energetiche).

È possibile trattare tutti i chakra partendo dal 1° chakra al 6° chakra (in caso di necessità anche il 7° chakra), passando da un chakra all’altro non appena il movimento diventerà ovale e successivamente lineare.

Andiamo ora ad analizzare le proprietà di qualche tipo di pendolo in base alla pietra che lo compone.

Pendolo di Lapislazzuli

Aumenta la sensibilità e la sicurezza in se stessi.

Come purificare e ricaricare il Pendolo di Lapislazzuli: si purifica con i metodi indicati (argilla, drusa, reiki, suono, respiro, pensiero, pendolo, luce lunare piramide, simbolo Antahkarana, circuito disimpregnatore) evitando il sale, l’acqua, i Fiori di Bach, la terra, l’incenso e la luce solare. Si ricarica con i metodi indicati (luce lunare, drusa, piramide, punte di Quarzo Ialino) evitando la luce solare e la terra.

Pendolo di Giada

Equilibra, armonizza in particolare il 4° chakra, rilassa e dona gioia (indicato dopo depressione o periodi di spossatezza).

Come purificare e ricaricare il Pendolo di Giada: si purifica con tutti i metodi indicati (incenso, terra, argilla, drusa, reiki, suono, respiro, pensiero, pendolo, luce lunare piramide, simbolo Antahkarana, circuito disimpregnatore) evitando il sale, l’acqua, i Fiori di Bach e la luce solare. Si ricarica con i metodi indicati (luce lunare, drusa, piramide, punte di Quarzo Ialino) evitando la luce solare.

Pendolo di Malachite

Rimuove i blocchi energetici e rinforza l’organismo, usata sistematicamente allevia i crampi e stimola le facoltà mentali.

Come purificare e ricaricare il Pendolo di Malachite: si purifica con i metodi indicati (argilla, drusa, reiki, suono, respiro, pensiero, pendolo, luce lunare, piramide, simbolo Antahkarana, circuito disimpregnatore) evitando sale, acqua, Fiori di Bach, terra, incenso e luce solare. Si ricarica con i metodi indicati (luce lunare, drusa, piramide, punte di Quarzo Ialino) evitando la luce solare e la terra.

Pendolo di Quarzo Rosa

Indicato per trami, ferite e preoccupazioni, invita inoltre a prenderci cura del nostro corpo (indicato anche in caso di bulimia o anoressia).

Come purificare e ricaricare il Pendolo di Quarzo Rosa: si purifica con i metodi indicati (sale, acqua, fiori di Bach, terra, incenso, argilla, drusa, reiki, suono, respiro, pensiero, pendolo, luce lunare, piramide, simbolo Antahkarana, circuito disimpregnatore) evitando la luce solare. Si ricarica con i metodi indicati (luce lunare, drusa, terra, piramide, punte di Quarzo Ialino) evitando la luce solare.

Pendolo di Ametista

Da utilizzare prima di effettuare meditazioni (anche di gruppo) o rituali per prepararsi all’esperienza, usata con regolarità (anche per mesi) stimola la creatività, l’ispirazione e la capacità inventiva.

Come purificare e ricaricare il Pendolo di Ametista: si purifica con i metodi indicati (sale, acqua, fiori di Bach, terra, incenso, argilla, drusa, reiki, suono, respiro, pensiero, pendolo, luce lunare, piramide, simbolo Antahkarana, circuito disimpregnatore) evitando la luce solare. Si ricarica con i metodi indicati (luce lunare, drusa, terra, piramide, punte di Quarzo Ialino) evitando la luce solare.

Pendolo di Quarzo Ialino

Equilibra, calma, rinforza l’organismo, permette un rapido recupero dopo un’intensa attività sportiva, equilibra lo yin e lo yang, lenisce immediatamente il dolore ma non è indicato in caso di coliche biliari o renali in quanto può provocare uno shock.

Come purificare e ricaricare il Pendolo di Quarzo Ialino: si purifica con i metodi indicati (sale, acqua, fiori di Bach, terra, incenso, argilla, drusa, reiki, suono, respiro, pensiero, pendolo, luce lunare, piramide, simbolo Antahkarana, circuito disimpregnatore) evitando la luce solare. Si ricarica con i metodi indicati (luce lunare, drusa, terra, piramide, punte di Quarzo Ialino) evitando la luce solare.

Come-utilizzare-i-Pendoli-di-Pietre-e-Cristalli-come-Purificarli-e-Caricarli

Fonte: Guarire con i Cristalli – Marianna Sheldrake

Guarire con i Cristalli
Guarire con i Cristalli
Marianna Sheldrake

 

Quanto ti è piaciuto quest'articolo?
[Voti: 1    Media Voto: 5/5]


Condividi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.