Come Riconoscere e Togliere il Malocchio, le Pietre e i Cristalli per Proteggersi dal Malocchio

Condividi Questo Articolo!
santa ildegarda


(Articolo Aggiornato il 1 Agosto 2021)


come togliere il malocchio
Foto di Papa Smurf da Pixabay

Cos’è il Malocchio e Come Si Fa

Alcune persone hanno la capacità di influenzare il nostro stato psicofisico semplicemente con lo sguardo: gli occhi possono trasmettere un’energia che se guidata dall’intenzione può trasformarsi in un’ arma molto potente in grado di influenzarci, anche in maniera negativa.


Il malocchio era conosciuto già nell’antichità e diffuso presso varie culture e popolazioni in tutto il mondo. Era temuto fin dai tempi delle popolazioni Babilonesi ed Egiziane in quanto conoscevano il potere magico degli occhi. Ancora ai giorni nostri vengono usati amuleti e riti per contrastare questa forma di maleficio, in modo particolare nell’Italia meridionale, ma anche in paesi come la Turchia da cui derivano i famosi amuleti blu a forma di occhio.

Il malocchio viene fatto da persone che nutrono invidia, gelosia, rabbia o un senso di ingiustizia nei nostri confronti e nutrono pensieri negativi e continui (ad esempio “perché a lui/lei si e io no”, “non si merita quella macchina nuova”, “come fa a stare con lui/lei è stato/a fortunato/a”, “spero che gli/le capiti quello che è successo a me”).

Si dice che il potere del malocchio si tramandi con il sangue e la discendenza, sicuramente per lanciare il malocchio occorre il potere del sesto chakra e una forte volontà, anche se a volte può essere lanciato in preda ad una forte rabbia e desiderio di danneggiare qualcun altro.

Anche le persone eccessivamente complimentose, in particolar modo verso i bambini, possono lanciare il malocchio per invidia, soprattutto se nella loro vita stanno attraversando un periodo difficile o di grande insoddisfazione.

Il rito più antico e tradizionale per riconoscere e togliere il malocchio è quello dell’acqua e l’olio (più avanti nell’articolo indico il metodo), ma esistono altri metodi come ad esempio quello dell’uovo o dei chiodi di garofano per scoprire chi ci ha fatto il malocchio.

In questo articolo vi spiegherò il metodo dell’acqua e olio che ho avuto modo di provare personalmente. Se volete conoscere anche gli altri due metodi, lasciatemi un commento qui sotto.

Quali sono i Sintomi del Malocchio: Come Capire se si ha il Malocchio

Solitamente è necessario un contatto visivo con la vittima perché il malocchio possa attecchire. Se siete colpiti dal malocchio proverete, in presenza della persona che ve l’ha fatto, un senso di disagio e vi sentirete vulnerabili e schiacciati da un’energia negativa e pesante.

Inoltre ci sono determinati sintomi che si verificano quando siamo colpiti dal malocchio:

  • frequenti mal di testa ed emicranie
  • sonnolenza e stanchezza nonostante si dorma tanto
  • pensare continuamente a qualcuno o a qualcosa
  • nervosismo, scatti di rabbia improvvisi e ansia
  • incubi
  • perdita di capelli
  • vertigini
  • quando si cerca di rilassarsi ci si sente a disagio
  • dolori allo stomaco
  • le lampadine si fulminano, gli elettrodomestici e i computer si bloccano o si rompono
  • incidenti e sfortuna continua
  • i progetti non riescono a decollare e si hanno continuamente problemi economici
  • i problemi nella vita di coppia (anche il minimo litigio può trasformarsi in una frattura insanabile)
  • sensazione di non essere soli, paura del buio e paura in particolare di notte
  • difficoltà improvvisa a relazionarsi con gli altri
  • sensazione di sentirsi invasi
  • attacchi di panico
  • pensieri negativi che non si riconoscono come propri

Ovviamente non basta un mal di testa per poter pensare di essere vittime di malocchio, tuttavia questi sintomi potrebbero costituire un campanello d’allarme.

Rituale con l’Acqua e Olio per Togliere il Malocchio

  • una ciotola con dell’acqua
  • un bicchierino con un po’ d’olio
  • una forbice di ferro
  • un pizzico di sale grosso

Visualizzatevi circondati da una bolla di luce bianca che vi protegge, tenete i palmi delle mani sopra la ciotola dell’acqua e sopra il bicchierino con l’olio e concentratevi sulla sommità della vostra testa, immaginando la luce entrare dal vostro chakra della corona e viaggiare attraverso il corpo, uscendo dalle mani e caricando l’acqua e l’olio.

Chiamate a voi gli angeli (ci tengo a precisare che sono aconfessionali e in realtà non fanno parte di nessuna religione), i maestri spirituali (ad esempio Gesù o Budda), gli Dei, le Dee o le figure spirituali positive in cui credete e che vi fanno sentire protetti e in cui avete fede.

Intingete il dito indice della mano dominante nell’olio e tracciate quattro volte il segno della croce a braccia uguali (o cinque volte il segno del pentagramma se preferite) sulla superficie dell’olio e a seguire su quella dell’acqua presente nella ciotola.

Quindi intingete nuovamente il dito nell’olio e ripetete il segno della croce o del pentagramma (quattro volte per la croce a braccia uguali o cinque volte se disegnate il pentagramma) sulle forbici.

Mettete le mani ai lati della ciotola quindi ponetela sulla sommità del vostro capo o della persona a cui volete togliere il malocchio.

Chiedete l’assistenza delle figure spirituali chiamate prima, e visualizzate il male che viene attirato nell’acqua, quindi intingete il dito tre volte nell’olio lasciando che le gocce cadano nella ciotola dell’acqua.

A questo punto studiate la posizione e la grandezza delle gocce dell’olio: la più grande è quella che vi riguarda, a seconda della vicinanza di altre bolle d’olio indica se si tratta di persone vicine a voi o lontane (inoltre piccole bolle lontane indicano pettegolezzi e malelingue).

Se le bolle rimangono trasparenti e distanti non c’è malocchio, al contrario se le bolle si avvicinano e si uniscono indicano la presenza del malocchio.

A questo punto prendete le forbici e tagliate tutte le bolle fino a che non ne rimangono sulla superficie (quelle presenti faranno delle piccole bolle dopo essere state emulsionate dal movimento delle forbici).

Versate un pizzico di sale grosso nell’acqua per evitare che il malocchio si disperda e versate nel WC l’acqua contenuta nella ciotola.


Le Pietre, i Cristalli e gli Amuleti per Proteggersi dal Malocchio

Per proteggerci dal malocchio possiamo indossare alcuni amuleti, pietre e cristalli: vediamo quali sono e come utilizzarli.

L’amuleto più conosciuto è il cornetto rosso (o corno rosso), deve il suo potere protettivo al colore rosso che simboleggia combattività e protezione, mentre le punte sono utilizzate in magia per disperdere il male e rimandarlo al mittente. Prima di utilizzarlo chi lo regala deve pungere il palmo della mano sinistra per attivarlo, inoltre quando si rompe porterà fortuna in quanto si libererà delle energie negative e della sfortuna accumulate.

Un altro amuleto molto conosciuto è l’occhio di Allah (o Occhio Turco), diffuso in Grecia e Turchia: la sua particolare forma è dovuta alla leggenda e alle persone con occhi blu che erano rare in Turchia e che si credevano avessero il potere di fare il malocchio. Il colore blu ha il potere di neutralizzare questa capacità negativa, quando si rompe significa che ci ha protetto dal malocchio.

La mano di Fatima è un altro amuleto che protegge dal malocchio ed era in origine simbolo della dea Ishtar, dea dell’amore: questo simbolo è stato poi adottato dal popolo ebraico e arabo che ha modificato il simbolo includendo all’interno rispettivamente il simbolo della stella di Davide e dell’occhio di Allah. La mano, direzionata verso l’alto, assicura benedizioni, protezione e potere, verso il basso amore, fortuna e pazienza.

Amuleto Mano di Fatima Grande
Amuleto Mano di Fatima Grande

Compralo su il Giardino dei Libri

Anche l’Occhio di Horus è un potente amuleto contro il malocchio, conosciuto fin dai tempi dei Babilonesi e degli Egizi, può essere indossato sotto i vestiti o attaccato alla culla di un neonato (o posto sotto il cuscino o la cuccia di un animale domestico) per protezione dall’invidia e dal malocchio.

Ciondolo Occhio di Horus
Ciondolo Occhio di Horus
Collana con simbolo spirituale in Acciaio Inox


Compralo su il Giardino dei Libri

Anche i cristalli possono essere usati per proteggerci dal malocchio: in particolare l’Occhio di Falco, l’Occhio di Tigre e l’Occhio di Bue, pietre che fin dal passato sono conosciute per proteggere dal malocchio.


La Turchese è usata per proteggersi dal malocchio e dovrebbe essere purificata spesso in quanto è una spugna per le energie negative, usata insieme alla Malachite sono particolarmente indicate per proteggere dagli incidenti e dal malocchio.

L’Onice Nera assorbe e trasmuta le energie negative (compreso il malocchio), gli Indiani e i Persiani la usavano come talismano per proteggersi dal malocchio.

Gioiello Turchese con Onice Nero e Argento Collana - 22 cm
Gioiello Turchese con Onice Nero e Argento Collana – 22 cm

Compralo su il Giardino dei Libri

L’Ematite e il Crisoprasio hanno il potere di riflettere le energie negative e il malocchio al mittente come uno specchio.

Pietra da Coccolare - Ematite
Pietra da Coccolare – Ematite
In Confezione Regalo con Biglietto


Compralo su il Giardino dei Libri

Il Giaietto veniva usato nei rosari dei monaci per proteggere dal malocchio e dal male, l’Ambra è particolarmente indicata per proteggere i bambini piccoli e i neonati.

Il Quarzo Affumicato (Quarzo Fumé) indossato durante i rituali magici assicura protezione dalle energie negative e dal malocchio.

Quarzo Fumè - Pietre Burattate
Quarzo Fumè – Pietre Burattate

Compralo su il Giardino dei Libri

L’Ametista è una pietra protettiva, può essere posta in casa o indossata per proteggersi dal malocchio e da tutte le energie negative.

Bracciale Power Ametista
Bracciale Power Ametista

Compralo su il Giardino dei Libri

L’Agata viene usata per proteggersi dalla sfortuna, dal malocchio e dalle malelingue.

Agata Naturale - Pietre Burattate
Agata Naturale – Pietre Burattate

Compralo su il Giardino dei Libri

Un Crisoprasio associato all’immagine di un toro è una potente protezione contro le energie negative e contro fatture e malocchio.

Infine la Tormalina Nera e la Shungite sono le pietre di protezione per eccellenza: la Shungite in particolare è la pietra di protezione per eccellenza.

Tormalina Nera - Pietre Burattate
Tormalina Nera – Pietre Burattate

Compralo su il Giardino dei Libri

 

Pendente con Cordino Fila 28 mm
Pendente con Cordino Fila 28 mm
Pendenti per collo in Shungite, serie a goccia, per l’armonizzazione energetica dell’ambiente circostante.

Compralo su il Giardino dei Libri

Le pietre, i cristalli e gli amuleti possono essere posti sulla porta d’ingresso, nelle stanze della casa o del negozio o indossati, programmandoli per la protezione dal malocchio.

Infine un consiglio che è sempre utile e semplice da mettere in pratica: se avete l’impressione che qualcuno vi stia facendo il malocchio, concentrate il vostro sguardo nel punto in cui si trova il sesto chakra (il punto che si trova in mezzo alla fronte tra le sopracciglia) di questa persona, in questo modo ne annullerete i poteri malvagi.

Copyright © Il Mondo dei Cristalli

Il Cibo Ribelle Il Cibo Ribelle
Liberarsi dal cibo industriale, riscoprire i sapori e ritrovare la salute
Gabriele Bindi

Compralo su il Giardino dei Libri

circle cropped
Fin da piccolo ho nutrito interesse per il mistero e l’ esoterismo, ho esplorato vari sentieri spirituali, sono sempre stato attratto dal mondo della magia e dell’ occulto. Il Mondo dei Cristalli nasce dalla volontà di creare un luogo di scambio e conoscenza delle proprietà e degli usi dei cristalli, basandomi sui miei studi e la mia esperienza.
Condividi Questo Articolo!

4 pensieri riguardo “Come Riconoscere e Togliere il Malocchio, le Pietre e i Cristalli per Proteggersi dal Malocchio

  • 12 Maggio 2022 in 15:50
    Permalink

    Per me sei diventato un punto di riferimento: grazie per aver creato questo sito. Posso chiederti un approfondimento riguardo al distinguere il “malocchio” dall’auto-suggestione? (secondo il mio pensiero, pur sempre dannosa ma auto inflitta, se così si può dire) Grazie mille e complimenti

    Rispondi
    • 22 Maggio 2022 in 14:53
      Permalink

      Ciao Donatella,
      ti ringrazio di cuore, per me il vostro supporto è davvero importante!
      Hai sollevato una domanda interessante e per nulla banale. Ho in mente di creare un test veloce per il malocchio e per cercare di capire se si può trattare effettivamente di questo o semplice autosuggestione, magari legata ad un periodo particolarmente negativo autoindotto.
      Ti racconto una esperienza personale: qualche tempo fa, l’azienda dove lavora mia moglie ha improvvisamente deciso di effettuare tagli netti al team. Una delle risorse da ricollocare, ha preso questa decisione con odio ed invidia rispetto alle altre che mantenevano il posto, reagendo con aggressività ed augurando loro la stessa sorte. Al momento in cui ha pronunciato questa frase, mia moglie ha incrociato il suo sguardo ed ha avvertito una sensazione di forte disagio a cui non ha saputo dare una spiegazione e che ha inteso solo come dispiacere. Dopo qualche giorno è iniziato un periodo in cui è cambiata radicalmente: attacchi di panico, depressione, incubi molto particolari (con la testa schiacciata tra due muri che si stringevano, o masticava i propri denti, o un mostro tentacolare che in ufficio, quando cercava di uscire la rimetteva alla sua scrivania, etc). Nessuno la riconosceva più. Devi sapere che tutti e tre questi incubi mi hanno fatto pensare ad una possibile causa soprannaturale che fino a quel momento avevo escluso, considerandolo stress per via dei cambiamenti lavorativi e cercando come sempre di non trovare per forza una motivazione sottile. Masticare i denti è associato al 1° chakra ed al lavoro (sempre con un accezione negativa), il mostro tentacolare mi ha fatto subito pensare a un invasione dei chakra e dell’aura. Su questo secondo punto mi spiego meglio: l’aura, ovvero l’energia che avvolge il nostro corpo fisico, può assumere diverse forme tra cui quella tentacolare causandoci quella sensazione strana e disagevole, che ci fa sentire ad esempio toccati o invasi da qualcuno in maniera sgradevole. Infine il fatto di essere schiacciata tra due pareti indicava un forte blocco energetico imposto.
      Ho quindi eseguito il rituale che vi ho riproposto nel sito, che ha confermato la presenza di malocchio, che ho rimosso. Dopo aver fatto il rito, nonostante avessi tagliato le bolle di olio ed indebolito il malocchio, interiormente sentivo che ancora non era del tutto debellato e confermato anche attraverso un palminig dell’aura, gliel’ho ripulita passandole una tormalina dalla testa ai piedi.
      Subito dopo il trattamento la sua aura si era schiarita e si era sentita subito meglio e da quella notte stessa mi ha detto di aver sognato una stanza con una luce bianca forte, tutta la notte e non ha più avuto incubi.
      Ti preciso due punti, la situazione negativa si era protratta per circa un mese e alla fine quanto augurato dalla collega si è avverato comunque, ma la situazione è migliorata spontaneamente, risolvendosi subito dopo aver tolto il malocchio. Da questo mio racconto, volevo dirti che riconosci che non è suggestione nel momento in cui ad esempio ti senti sempre senza forze o sopraffatta, senza una causa fortemente scatenante. Non è solo un evento che ogni tanto capita o un contrattempo, ma si verifica una sincronicità di ostacoli che si susseguono in continuazione….ad esempio con apparecchi elettronici come lampadine, elettrodomestici, etc, cominciano a mostrare malfunzionamenti quando li utilizzi, pensare o vedere la persona che ti ha lanciato il malocchio ti causa una sensazione di timore ed impotenza, hai lo sguardo spento e gli altri non ti riconoscono più, sensazione di qualcosa di appiccicoso, denso e pesante addosso. Ed infine incubi, malumore continuo e scatti di rabbia.
      Ti confermo inoltre di aver provato anche l’altra tecnica (in una diversa occasione) con i chiodi di garofano di cui ti confermo l’efficacia, in particolare se hai dei dubbi su una persona specifica che ti potrebbe essere vicina.
      Un caro saluto,
      Andrea

      Rispondi
  • 21 Febbraio 2022 in 23:08
    Permalink

    Grazie per il prezioso portale di conoscienza che hai creato.

    Rispondi
    • 23 Febbraio 2022 in 19:48
      Permalink

      Ciao Silvia, ringrazio io te per il bellissimo commento, mi rende davvero felice e ripaga tutto il mio impegno e le mie ricerche nel portarlo avanti ed integrarlo ogni giorno il più possibile. Un caro saluto, Andrea

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.