Come Conservare i Cristalli e le Pietre

Condividi Questo Articolo

abbondanza

(Articolo Aggiornato il 29 Aprile 2020)


Per mantenere intatte le capacità dei nostri cristalli, è importante conservarli correttamente.


Evitiamo materiali come la plastica, l’acciaio e la seta (quest’ultima viene prodotta bollendo vivi i bachi, immaginate con quali energie entreranno a contatto i nostri cristalli) e i materiali sintetici in generale, meglio utilizzare materiali naturali come il vetro, la porcellana, la ceramica e il legno.

In particolare (confermo per esperienza diretta) che le scatole in acciaio alterano e indeboliscono le vibrazioni dei cristalli (l’acciaio tende a disperdere le energie come dimostrato dall’accumulatore di Reich), pertanto sono assolutamente da evitare.

La scelta ottimale è data dalle scatole di legno con separatori, materiale che assorbe le vibrazioni e grazie ai divisori, evita che le differenti energie dei cristalli vadano in contrasto tra loro.

Scatola Cristalli Ametista
Foto di Miloslav Hamřík da Pixabay

Non tutti i cristalli infatti amano la compagnia dei propri simili: alcuni tra i quali l’Ossidiana Nera, l’Ossidiana Fiocco di Neve, la Rodonite, la Sodalite, l’Unakite, il Lapislazzuli, la Malachite e la Tormalina Nera, preferiscono avere uno spazio a loro dedicato, piuttosto che essere accostati ad altri cristalli.


Se non disponiamo di un contenitore in legno, possiamo riporre i nostri cristalli in sacchetti di cotone o in un portagioie, evitando che si impolverino in maniera eccessiva.


Potremmo anche scegliere di lasciare in bella vista i nostri cristalli, ma dovremo tenere conto che venendo a contatto con le energie della stanza e delle persone di passaggio, dovranno essere purificate ogni volta, prima di essere utilizzate in terapia o indossate.

Durante la notte tendiamo ad amplificare la frequenza e la portata dei nostri campi energetici, pertanto entreremo a contatto con tutti i cristalli nel raggio di qualche metro.

Ciò comporterà un’interazione energetica molto forte con i cristalli, arrivando a coinvolgere anche più cristalli insieme: in tal caso potreste rilevare fratture e crepe nei cristalli e sentirli scarichi, ma al contempo svegliarvi diversamente dal solito e fortemente energizzati.

Personalmente consiglio di evitare l’esposizione specialmente durante il sonno, in modo da evitare interazioni troppo forti tra le nostre energie e quelle dei cristalli, fatta eccezione per quei cristalli che decidiamo di tenere sul comodino o sotto il cuscino, per conciliare il sonno o per ricordare i nostri sogni ad esempio.

I cristalli che hanno lavorato molto possono essere lasciati a riposare sulle druse, in tal modo oltre a essere collocati in un’ambiente purificato ed energeticamente equilibrato, saranno anche ricaricati.

I giardini zen costituiscono un’ottima soluzione per lasciare i cristalli esposti in punti della casa come il soggiorno, possiamo infatti sostituirli ai sassi comunemente contenuti nei kit per giardini zen in miniatura.

Un’ulteriore alternativa è quella di lasciare i cristalli in piccole fontane a scalini da scrivania: personalmente non sono d’accordo con tale pratica, in quanto non solo alcune pietre devono evitare il contatto con l’acqua, ma sono convinto che a lungo andare ne risentirebbero dell’eccessiva umidità e della continua circolazione dell’acqua.

I Segreti dell'Aura

I Segreti dell'Aura Lobsang Rampa

Compralo su il Giardino dei Libri


Condividi Questo Articolo

3 commenti

  1. Buonasera, complimenti per il suo blog; lo consulto spesso per avere consigli utili su come utilizzare i miei cristalli. Leggendo questo articolo ho bisogno di un suo consiglio. Posseggo diversi cristalli e li ho messi in camera mia, dove fra l&#39altro dormo con il mio compagno. Dal letto al mobile dove li ho messi ci saranno due metri scarsi di distanza. Non avendo altri posti in casa, vorrei continuare a tenerli in camera, lontani dalle influenze di altre persone. C&#39è un modo per isolarsi da me e il mio.compagno, specialmente di notte? Magari in una scatola chiusa di legno? Cosa mi consiglia? I cristalli sono i seguenti: quarzo ialino, ametista, quarzo rosa, granato, rubino grezze, malachite, agata, azzurrite e fluorite. La ringrazio anticipatamente

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.